BELLEGRA (RM)


Comune

Distanze: 70 km da Roma

Altitudine: 815 m

Bellegra vanta una posizione privilegiata tra le cittadine che sorgono ad est di Roma, a 815 metri sul livello del mare, su Monte Celeste.

Le origini di Bellegra sono molto antiche.
Sembra che un vecchio nucleo esisteva già nel VI secolo a.C., inoltre, sul Monte Celeste, dove oggi c'è il centro abitato, vi furono insediamenti degli Equi, degli Ernici e in fine dei Romani. Ancora oggi è possibile ammirare tratti delle imponenti mura ciclopiche, che la costeggiano in più parti.

Interessanti anche le "Opus Cementicus" , costruzioni cementizie erette dai Romani. Importante è l'aspetto ambientale del territorio.

La campagna di Bellegra è formata da coltivazioni di ulivo, da alberi di fichi, ai quali è dedicata anche una sagra detta "Sagra del Fallacciano", da castagneti oggi utilizzati per la produzione di legname e in piccola quantità per la raccolta delle castagne.

Altre essenze interessanti sono la fillirea e il caprifoglio, anch'esse, piante abituate a vivere nella macchia mediterranea, nonchè l'agrifoglio e il pungitopo ed un insediamento di leccio, su uno sperone del Monte Celeste.

Abbondante è anche la fauna, tra le specie più significative si annoverano: istrice, cinghiale, tasso, scoiattolo, poiana, gheppio, gufo comune, allocco, barbagianni, picchio verde, picchio muratore e fagiano.

Tutto il territorio comunale è particolarmente ricco di acque sorgive che alimentano un'estesa rete di piccoli fiumi. Interessante da visitar la Grotta dell'Arco, una caverna lunga poco meno di mille metri e in alcuni punti, alta fino a trenta. Percorsa da un torrente sotterraneo, anticamente faceva da serbatoio d'acqua per un mulino, detto nel dialetto locale "Mola".

DA VEDERE

Grotta dell'Arco, lunga circa un chilometro. Unica cavità a sviluppo orizzontale ed a imboccatura singola in italia.

Resti preistorici e neolitici.

Resti di opus caementicium: la Cisternola, cisterna di epoca romana.

Resti di un tempio dedicato alla dea Bona, con imponenti muraglioni squadrati detti "mura ciclopiche".

Il Ritiro di S.Francesco (XIII secolo)m luogo di santità, testimonianze storiche, antiquarie, artistiche.

Chiesa di S. Nicola: di stile barocco con affreschi del XVII secolo.

Chiesa di S.Lucia.

Chiesa di S.Sisto (stile moderno).

Centro storico.

PRODOTTI TIPICI

Olio extravergine di oliva, Vino, Dolci tipici, Cucina casareccia (primi piatti, carni, funghi porcini).