Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

CAMPODIMELE (LT)



a 150 km. a sud di Roma

Come arrivare
In treno:
- Stazioni consigliate: Fondi, Formia proseguendo in autobus.
in autobus:
- Autolinee: COTRal : da Itri, Formia, Fondi, Terracina.
in auto:
- A1 Uscita Ceprano (da Nord) - Uscita Pontecorvo (da Sud)

info
- Comune


Campodimele è situato sulla cima di un ripido colle di origine carsica alto m. 647 e la sua superficie è di 38 kmq.
L' attrbuzione del nome deriva dal latino "Campus Mellis" ossia Campo di Miele, perchè un tempo sul promontorio vi era un'abbondante produzione di miele.
Esso sarebbe sorto sulle rovine di Apiola, antichissima città latina, che prendeva nome appunto dalle api.
Assediata, conquistata e distrutta da Tarquinio il Superbo (V° Re di Roma) duranta le guerre per il predominio del Lazio. Il paese nei suoi vicoli e nei suoi scorci conserva caratteristiche che da un lato richiamano al Medioevo Italiano, e dall'altro risentono dell'influsso Arabo, subito sopratutto ad opera dei Saraceni durante il IX e gli inizi del X secolo.
Fu anche rifugio e preda dei briganti, sia per gli ampi boschi che offrivano sicuri nascondigli e, sia per la sicurezza della Rocca. Nel complesso un vero grande patrimonio culturale architettonico ed ambientale di millenarie tradizioni è offerto da questa antichissima Rocca.
Il paese è un centro da visitare per le sue rare qualità e per le...... prospettive: una fonte sorgiva da cui zampilla fresca acqua oligominerale " Faggetina " .
L'aria pura ed ossigenata, cibo genuino è tutto ciò che serve per una vita piacevole e lunga nel tempo, non per nulla Campodimele è definito " il Paese della longevità".
Infatti alla base dell'indagine condotta dall' Organizzazione Mondiale della Sanità, è emerso che a Campodimele si vive di più grazie alle condizioni climatiche ed alla sua alimentazione.
In virtù di questo primato Campodimele è meta di numerosi giornalisti , ricercatori, operatori turistici sia Italiani che esteri.Chiesa di S.Michele Arcangelo

Sorge sul punto più alto del borgo medievale.
Anticamente dedicata a S.Angelo. La chiesa, già a tre navate, si fa notare per la semplicità e l'armonia delle sue linee architet- toniche. Pregevoli opere sono con- servate al suo interno:

  • Trittico del sec.XVII (Vergine, tra S.Sebastiano e San Rocco) Trittico del sec.XV a firma di G.da Feltre (Vergine con bambino) Tabernacolo marmoreo (sec.XV) Tela raffigurante S.Michele Arc. di Antonio Sicurezza (1956)
  • Reperti archeologici altare di sant'Onofrio.

Monastero di Sant'Onofrio (sec.XI)

All'origine sorgeve in zona piu bassarispetto all'attuale. In seguito a distruzione, l'Abate Desiderio di Montecassino ne ordinò la ricostruzione in zona più alta.
I Benedettini lo usarono come luogo di preghiera e di meditazione, mentre gli spazi adiacenti erano adibiti ad orto con un grosso cisternone per la raccolta di acqua.
Gli eventi bellici e l'incuria lo ridussero ad un cumulo di macerie. All'interno esisteva un altare e tre nicchie con statue lignee di S.Antonio Abate, S.Onofrio e S.Pafinunzio.
Il Monastero è stato comunque riedificato ed è meta di pellegrinaggi religiosi. Montecassino.


Contatore sito