Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

CASAPROTA (RI)


ALTITUDINE: m.523

COME ARRIVARE
- Da Via Salaria SS4 svoltare all'altezza di Passo Corese e seguire le indicazioni

info
- Comune


Una natura viva forgiata da una cultura millenaria, colline trafitte dal sole e colorate dalle stagioni, sapori ed aromi che in tavola diventano tradizione gastronomica italiana: sorprese di una terra che è voluta rimanere fedele a se stessa, come la sua ospitale gente. Una Storia per il terzo millennio
Di epoca romana sono le prime tracce nel territorio di Casaprota, lo testimoniano i reperti delle ville rustiche e le numerose iscrizioni. Non potrebbe essere altrimenti ricordando il leggendario "Ratto delle Sabine", racconto attraverso il quale la Sabina entra nella storia

di Roma. Ma i contatti tra la Sabina e Roma sono ancora più forti infatti tra i re di Roma, Numa Pompilio e Anco Marzio, erano sabini assieme a quel Tito Tazio che regnò per primo assieme a Romolo. La storia della sabina si mescola a quella romana fino alla venuta dei longobardi, che separano i destini del Ducato di Spoleto da Roma, rimasta all'impero d'oriente. Così nel 776 compare per la prima volta il nome di "Casa Perotae", presumibilmente l'antico nome del paese, di proprietà del Duca di Spoleto Ildebrando .

Successivamente, come per altri territori circostanti fu acquisito dall'Abbazia di Farfa. Infatti parlare del medioevo in Sabina significa parlare dell'imperiale Abbazia: tra le più potenti dell'Italia centrale. Risparmiata dai Goti, distrutta dagli stessi longobardi, all'apogeo sotto il dominio dei franchi di Carlo Magno, fu faro di fede, arte e civiltà. Nei primi decenni del secolo X fu fondato il castello, di cui successivamente si persero le

tracce sino al pontificato di Celestino III, quando si ha notizia di una controversia che si opponeva i De Romania, la più potente famiglia nobile della Sabina, alla consorteria dei Caponeschi. Dai Brancaleoni, un ramo della dinastia dei De Romania, Casaprota passò agli Orsini sino al 1604, anno nel quale il Castello fu inserito nel governatorato di Sabina. Dopo la riorganizzazione dello stato della Chiesa, Casaprota fu annessa a Mompeo, distretto di Poggio Mirteto, governo di Fara. Nel 1853 Casaprota diviene comune autonomo.

Oggi il suo territorio, che comprende la splendida frazione di Collelungo, si estende tra Via Salaria, la valle del fiume Farfa e i Monti Sabini. La sua realtà sociale ed economica è fortemente segnata da una storia che orgogliosamente si ripropone per il terzo millennio.


Contatore sito