Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

CASTELLIRI (FR)




COME ARRIVARE
- A1 uscita Frosinone. S.S. "dei Monti Lepini direzione Sora. Superstrada Frosinone-Sora uscita Castelliri.

info
- Comune


Il territorio di Castelliri, bagnato dal Liri, si estende ai piedi dei monti Ernici su un territorio di 15,51 kmq. Per l'amenità dei luoghi, si riscontra la presenza dell'uomo sin dagli albori della civiltà.

Sono stati rinvenuti oggetti risalenti all'epoca della pietra e una necropoli dell'età del ferro. Quest'ultima scoperta prova che nel territorio sorse un pagus che sopravvisse anche alla età romana.

Sono state rinvenute due iscrizioni: una di un cambiavalute cereatino e l'altra (in località Madonna della Neve) riguardante duonviri che fecero lastricare una strada.
Questa si snodava in località Collasturo e si pensa che sia una diramazione della via Latina, alla cui sinistra sorgeva, come tramanda Strabone, Cereate.

In questo municipio, secondo Frontino e Plutarco, nacque il grande Caio Mario.

E' opinione dominante che Castelliri era ricompreso nel territorio di Cereate, pertanto, l' arx di quest'ultima roccaforte degli Ernici, a confine con i Volsci, potrebbe individuarsi in località Codarda.

Presumibilmente distrutta durante le invasioni barbariche, nello stesso luogo, fu ricostruito nel medioevo un modesto Castello, che ci è stato tramandato dalle fonti con il nome di Castelluccio. Ricompreso nel ducato di Sora, è appartenuto ai signori legati ai D'Angiò e poi ad altri seguaci degli Aragonesi. Nel 1580 passò ai Boncompagni e poi al Regno di Napoli.

Nella chiesa parrocchiale dedicata a S. M. Sàlome, vi è custodita una croce del 1600, che appartenne al Cardinale Baronio.

Nel 1873, Castelluccio di Sora, cosi si chiamava in quel tempo, contava 1640 abitanti, un ospedale ed una banca agraria. Con Regio Decreto del 1878 fu autorizzato a chiamarsi Castelliri. Distrutta dal terremoto del 1915 è stata ricostruita ed oggi ha un fiorente area industriale.

La città è divisa in due parti, una arroccata sulla collina l'altra estesa in pianura loc. Piana; nella zona bassa si è sviluppata la parte nuova del centro e soprattutto hanno trovato sede molte piccole aziende industriali che rendono Castelliri una delle realtà' territoriali più attive dell' intera zona.

Situata anticamente nell' "ager arpinas", divenne colonia romana intorno al 305 a.C. al termine delle guerre Sannitiche; nel periodo medioevale fu a lungo soggetto ai Boncompagni.

Recentemente sono state individuate, sotto l'abitato urbano, delle splendide grotte che meriterebbero una diversa valorizzazione in virtù della loro forte valenza turistica.


Contatore sito