Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

CASTEL S. ELIA (VT)


Altezza s.l.m. 213 m

COME ARRIVARE
- S.S. Cassia - Monterosi - Bivio per Nepi - Castel S. Elia

info
- Comune


Poggiato su di un pianoro tufaceo delimitato ai lati da due profondi burroni, Castel S. Elia si trova ai confini della provincia di Viterbo, a circa 45 km. da Roma. E’ raggiungibile tramite la S.S. Cassia (svincolo per Nepi) e tramite la S.S. Flaminia (svincolo per Civita Castellana). Conta circa 2.000 abitanti e è situato ad un’altitudine di m. 210 s.l.m.; deve il suo nome all’antichissimo Cenobio di Sant’ Elia. "Castello" (così il paese viene chiamato dai suoi stessi abitanti) è conosciuto per la produzione di nocciole ed olive, ma ha avuto negli ultimi anni un notevole sviluppo legato alla piccola e media industria nel settore della ceramica, della stoviglieria e dei sanitari, i cui prodotti vengono i larga parte esportati; anche nel settore del legno, e del mobile in particolare, sono fiorite piccole e laboriose imprese.

Santuario di Maria Santissima ad Rupes
Inserito nel complesso del convento dei PP. Micaeliti della Congregazione di S. Michele Arcangelo con la moderna Chiesa di S. Giuseppe. Si scende lungo un "cunicolo" di 144 gradini scavati nel tufo, opera immane eseguita alla fine del Settecento dall’eremita Giuseppe Rodio in 14 anni di lavoro, alla "Grotta Santa" ove è conservata e venerata una tela raffigurante la Vergine che adora il Bambino addormentato sulle sue ginocchia. Adiacente alla Grotta, nella casa del custode, vi è un piccolo museo ove sono raccolti i paramenti Sacri del XII- XIV secolo.

Basilica di S. Elia
Vi si arriva scendendo dal centro del paese lungo la strada asfaltata che costeggia la rupe ed apre sulla verdeggiante vallata. Eretta nell’VIII secolo su di un preesistente cenobio benedettino, nella sua sobria maestosità e solitudine rappresenta un monumento di rara bellezza che domina l’intera Valle Suppentonia. Gli inconsueti motivi architettonici di origine lombarda si innestano sugli schemi tradizionali delle basiliche paleocristiane che sopravvivono nell’architettura del Lazio, costituendone, con i moduli bizantini, una caratteristica peculiare. La facciata, a tre portoni, presenta eleganti decorazioni nelle lunette laterali. L’interno, a tre navate e tetto a capriate, è arricchito dalla presenza di un prezioso "pergamo" ricomposto nel XII secolo con i resti di recinzioni presbiteriali dell’VIII-IX secolo. Sull’altare Maggiore vi è un elegante e raffinato ciborio. Gli affreschi dell’abside e del transetto (IX secolo) sono attribuiti ai fratelli romani Giovanni, Stefano ed a loro nipote Niccolò.


Contatore sito