Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

CERRETO LAZIALE (RM)


COME ARRIVARE
- Via Tiburtina, dopo Vicovaro si attraversa il passaggio a livello e si prende la strada provinciale per Cerreto Laziale;
- A24 uscita Castel Madama, proseguire a destra per la strada Provinciale Empolitana passando per i bivi di Sambuci e Ciciliano, all'incrocio di Ponte Terenzio (dopo il distributore di benzina) si gira a sinistra e si prosegue sempre dritti

info
- Comune


Cerreto Laziale è un ridente paesino della valle del Giovenzano, rigogliosa di campi, boschi di castagni e querce, che si erge su una collina alle pendici dei Monti Ruffi. Il territorio di Cerreto fu frequentato fin dall'antichità, come ci testimoniano le mura poligonali in contrada Fonte Farolfa e Arnale.Divenne poi terra degli Edui

Luoghi di Interesse:

Mura Poligonali: In contrada fonte farolfa e Arnale, dove sono ben visibili anche antiche cisterne in opera cementizia, risalenti all'età repubblicana;

Maschio, mura di cinta, porte, piombatoi dell'antico castello medievale (XIV secolo);

Chiesa di Santa Maria Assunta: Risalente al XII-XIII secolo, ha subito numerosi rifacimenti nel corso dei secoli, fino a perdere la sua struttura originaria. Attualmente presenta all'esterno una facciata abbellita con paraste e timpano aggettante, mentre all'interno mostra uno stile ottocentesco. Si conservano nella chiesa, oltre a pregevoli dipinti, un'antichissimo crocifisso ligneo;

Chiesa di san Sebastiano: Risalente al XVI secolo, a semplice pianta rettangolare, è stata abbellita nel 1900 con un'abside corrispondente all'altare maggiore. L'esterno presenta una decorazione a paraste e timpano recentemente restaurato, mentre l'interno mostra tracce di antichi affreschi;

Murale e statuetta della gatta: opera degli artisti A. Cavaneri e M. Paternà.


Contatore sito