Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

COLLALTO SABINO (RI)



info
- Comune


Probabilmente fondato intorno al X secolo nel luogo in cui sorgeva in epoca romana un centro fortificato dei Sabini, il paese, in origine chiamato Castaldio, prende l'attuale nome, Collalto, dalla sua particolare posizione.

Fu infatti costruito a scopo difensivo, durante il periodo delle invasioni saracene in Sabina, sulla cima di un colle molto alto e scosceso, a circa 980 m sul livello del mare.
Per arrivarci la strada si stacca dalla bassa valle del Turano inerpicandosi tra folti boschi di castagni e cerri fino al paese ancora cinto dalle antiche mura merlate, entro cui le case di pietra antica e le strade strette e tortuose si raccolgono intorno al maestoso castello quattrocentesco.

Dal Duecento la posizione del borgo a confine tra lo stato della Chiesa ed il regno di Napoli, gli diede un’eccezionale importanza strategica, rendendolo meta ambita da molti signori che nel corso dei secoli se ne contesero il possesso. Tra questi i Collalto, che per primi lo governarono assumendo il nome dal paese; i Mareri, grandi incastellatori medioevali; i Savelli, nobili romani, ed i Soderini che nella seconda metà del 1500 ristrutturarono sia la fortezza, trasformandola in un’imprendibile rocca in grado di contrastare gli attacchi nemici, sia il palazzo baronale che assunse nell'impianto i caratteri ancora oggi visibili, nonostante i numerosi rimaneggiamenti.

Nel 1641 Nicola Soderini, sopraffatto dai debiti, fu costretto a vendere il paese al cardinale Francesco Barberini, nipote del Papa regnante Urbano VIII, il quale completò il restauro e arricchì ulteriormente il palazzo baronale e l'imponente fortezza, conservando la baronia fino alla soppressione dei feudi. Nel febbraio del 1861 il castello e l'abitato di Collalto vennero saccheggiati da una banda di briganti formata da soldataglia borbonica, reparti pontifici e delinquenti comuni che, dopo aver piegato la resistenza degli abitanti, incendiarono il borgo distruggendo molti importanti documenti conservati nell’archivio del castello.

Castello baronale di Collalto
Splendido esempio di architettura militare, è stato ampiamente restaurato alla fine del secolo scorso e presenta ancora elementi architettonici caratteristici dell'architettura quattrocentesca, quali i torrioni e le mura merlate.

La facciata principale del castello, racchiusa tra due robusti torrioni, è raggiungibile tramite un ponte levatoio. All'interno si trova un vasto cortile a forma di trapezio, da cui si accede alla massiccia costruzione quadrata che rappresenta il punto più alto del castello, quello da cui si gode della visuale migliore: da qui si può spaziare con lo sguardo dal Terminillo, alla Maiella, al Gran Sasso ed ammirare di notte le suggestive luci di ben 34 paesi circostanti.


Contatore sito