Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

MONTE S. BIAGIO (LT)

COME ARRIVARE
- Via Appia, dopo Terracina

info
- Comune


IN COLLINA, a guisa della poppa di una nave, di fronte al mare e a cavaliere dell'Appia, dista 14 chilometri da Terracina e 9 da Fondi. Fu sino al 1863 Monticelli di Fondi, per distinguersi da Monticelli di Roccaguglielma (Esperia) nella stessa Terra di Lavoro, e mutò il nome in Monte S. Biagio per "un S. Biagio protettore del Comune".
Della rocca o castello de Monticelli (de ducato Fundano) è menzione in una vendita del 1099, nella quale è ricordato il noto monte Arcano a denotare il confine dell'antico ducato di Gaeta verso Terracina. C'è pure il ricordo nello stesso secolo XI del casale "Flex(u) ad Portellas", detto cosi per una piccola curva dell'Appia, e un "casale positum foras civitatem Terracinae in loco qui vocatur Flexu" fu donato da Leone conte di Fondi a Pietro vescovo di Terracina (C. d. C., II, 152).
Il castello baronale, oggi distrutto, aveva quattro torri; non rimane che un avanzo di una di esse nel lato sinistro, con mura della cinta. Si nota anche un portichetto del secolo XVI in una casa sul corso Vittorio Emanuele III.
La chiesa parrocchiale di S. Gio. Battista si orna, nel centro della parete absidale, di un pregevole trittico di CRISTOFORO SCACCO, il quale operò anche a Fondi, a Itri, a Sessa e in altre terre della Campania. Il dipinto, cm. 277 x 180, rappresenta lo Sposalizio di S. Caterina della Rota tra S. Giovanni Evangelista e il Battista, l'ultima Cena e il Transito della Vergine, è del 1500 con la firma "Cristoforus Scacco de Verona pinxit"; fu fatto per commissione del congiunto Evangelista Scacco di Monticello, "canonico salernitano", che crediamo titolo onorifico, portato anche ad Arezzo, a Sessa: tale era Giovanni Furacrapa, sessano, prima di esser nominato vescovo della sua città nel 1493 .

TORRE DELL' EPITAFFIO e PORTELLA
Con una iscrizione latina (Hospes, hic sunt fines Regni Neapolitani./ Si amicus advenis,/ pacata omnia invenies, /et, malis moribus pulsis, bonas leges) fatta incidere nel 1568 dal duca d'Alcalà Don Perafan di Ribera, vicerè di Napoli sotto il regno di Filippo II, su una specie di tomba romana tuttora esistente sulla Via Appia presso la torre detta appunto dell'Epitaffio, fra Terracina e Fondi, si annunziava ai forestieri provenienti dall'ultima città dello Stato Pontificio l'ingresso nel Regno di Napoli.
Da quella torre, che centoventi anni fa il Rossini nel suo Viaggio pittoresco da Roma a Napoli (Roma, 1839) disegnò alla tav. 45, cominciava propriamente una breve zona di rispetto, giacchè il vero secolare confine del Regno delle Due Sicilie, presidiato da guardie napoletane, era a Portella: un edificio costituito da due belle torri quasi cilindriche in mattoni e travertino, congiunte da un portico e difese da un gran portone a due battenti, che sorge sull'Appia tra il verde di una vegetazione rigogliosa di aranci, ai piedi della collina sulla quale si stende Monte S. Biagio. Al Rossini dobbiamo anche la rappresentazione di Portella, dove i viaggiatori subivano visite minuziose. Da essa il titolo di "Duca di Portella" conferito da Ferdinando I al Principe di Metternich ( 1819) .


Contatore sito