Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri e non utilizza cookie di profilazione di terze parti. Abbiamo anonimizzato Google Analytics, il che ci permette di raccogliere statistiche senza farvi profilare. Da ogni pagina del sito potete accedere alla politica della privacy estesa.
Privacy Policy
HOME

VILLA S. STEFANO (FR)


Distanza da Frosinone: 22 KM

Come arrivare:

In Treno : Linea ferroviaria Roma – Napoli via Cassino, fermata Frosinone o Ceccano;

In Auto: Autostrada A1 (Milano/Napoli) ( Napoli/Milano) uscita Frosinone – SS 156 Monti Lepini direzione Latina , uscita Palombara – Strada provinciale Giuliano di Roma Villa S. Stefano;

In Pullam:servizio di trasporto pubblico ( CO.TRA. L. ) dalle diverse città delle provincie di Frosinone, Latina, Roma

info
-Comune


Il paese sorge su un colle che domina la Valle dell'Amaseno. Il paese è immerso in un'ampia vegetazione ricca di vigneti, uliveti e corsi d'acqua.

Il paese venne spesso coinvolto nelle lotte fra imperatori e papi perchè i feudatari di Villa erano partigiani degli Hohenstaufen: spesso attaccato, fu in qualche occasione anche distrutto, come nell'anno 1165 quando Villa fu bruciata dalle truppe imperiali.

Villa Santo Stefano fu per molti anni in possesso dei Conti di Ceccano, padroni nel XIII secolo di quasi tutta la zona, i quali la fortificarono con un poderoso torrione cilindrico e con una serie di mura nella zona Portella. Nel 1562 Villa Santo Stefano entrò in possesso dei Colonna, ai quali rimase fino alla generale soppressione dei feudi avvenuta con Napoleone.

A partire dall'800, la montagna di Santo Stefano lentamente si popolò di emigranti vallecorsani, che dettero vita a un nuovo insediamento la frazione dei Macchioni. Attualmente questa frazione è in netta espansione rispetto al centro urbano. Villa ha vissuto il fenomeno del brigantaggio del periodo napoleonico e della restaurazione, nonché quello postunitario, così come non è stata risparmiata dall'esodo rurale e dal passaggio distruttore degli eserciti durante la seconda guerra mondiale.

Prodotto tipico, Unico  in tutta Italia, è la «panarda»: una  zuppa di ceci in onore di San Rocco. Nella notte fra il 15 e 16 agosto vengono cotti in piazza Umberto I,  quasi 5 quintali di ceci, in più di trenta calderoni di rame stagnato ("callare"). Dopo la benedizione,  al passaggio della solenne processione, viene distribuita a  tutti i fedeli.

 


Contatore sito